Kiwipedia

Chi è la madre di Aladdin?

Come ben sappiamo, nei film Disney vi è sempre stato uno strano approccio alle figure genitoriali, spesso proprio assenti (da una o entrambe le parti) per dare spessore alla disperazione interna dei protagonisti ,primo su tutti Bambi e l’atroce scena della morte materna.

IMG_1760

Anche in Aladdin ci sarebbe dovuto essere un personaggio genitoriale, nello specifico la madre.

Ma come mai invece non è presente?

Analizziamolo insieme!

La madre senza nome di Aladdin fu concepita nelle prime fasi della produzione del film.

IMG_1756

 

Avrebbe dovuto ricoprire un ruolo importante rappresentando, di fatto, ciò che legava Aladdin alla vita da straccione. Tuttavia, mentre lo sviluppo progrediva, il personaggio è stato rimosso dal film (insieme a molti altri personaggi) per semplificare la storia.

Sarebbero difatti stati 3 i punti focali da risolvere nel rapporto madre figlio:

 

 

– lei che lo rassicura che con la bontà ed il coraggio si possono superare tutte le difficoltà e che quello che si ha non rappresenta quello che si è dentro

IMG_1754

– lei che non riconoscendolo vestito da principe ha un incontro con lui che per poco non si tradisce

IMG_1757

– Jafar che scopre la sua identità e minacciandola ottiene da Aladdin la tanto agognata lampada

Alla fine di questi tre passaggi però, sarebbe stata probabilmente necessaria la morte di quel personaggio per dare il giusto sprono ad Aladdin per attaccare Jafar in cerca di vendetta, salvo poi decidere invece di  risparmiarlo, rievocando gli insegnamenti della madre riguardo “l’importanza di chi/cosa si è”

Tale trama parve troppo cupa per i toni del film, nonostante gli ormai noti siparietti comici del Genio e si decise quindi un’altra via.

– la madre vede in Aladdin un grande potenziale sprecato nell’essere un ladruncolo e gli dice che vorrebbe essere orgogliosa di lui

– per far fronte alla povertà chiederà al figlio di andare a vendere la cosa più preziosa che ha: il suo anello nuziale. Aladdin si rifiuterà e cercherà in segreto una soluzione

– Jafar approfitterà della situazione ed proporrà ad Aladdin (sotto mentite spoglie) di andare a recuperargli la lampada in cambio di ricchezze

IMG_1764

– dopo essere diventato principe, Aladdin, porterà la madre a palazzo ma ella non sarà felice perché ancora delusa dal figlio che mente a Jasmine

– sarà poi orgogliosa di lui quando Aladdin lascerà tutto per liberare il Genio

IMG_1753

Purtroppo però, neppure questa possibilità sembrò convincere la produzione, che decise così di ovviare il problema eliminando il personaggio.

Nel DVD di Aladdin, è possibile  trovare tra le scene eliminate quella in cui  la madre e il  Genio esortano Aladdin a dire a Jasmine la verità (parte della seconda versione) ed è proprio in questa scena che ella ritorna a proporre al figlio il suo pensiero riguardo la verità e ciò che davvero conta. Potete trovare lo speciale proprio qui

Nel film finale, si è optato per una realtà da orfano e nullabbiente per Aladdin, in modo da accentuare il contrasto tra il desiderio di possedere finalmente la felicità ed il suo gesto totalmente caritatevole di liberare il Genio rinunciando a quello che credeva essere il suo desiderio più grande. E in maniera geniale inoltre, è rimasto il concetto del “essere meglio di ciò che si possiede” attraverso la ricerca di Jafar nel trovare il diamante allo stato grezzo.

Anche se il personaggio della madre alla fine è stato rimosso dal film, la sua presenza nel franchising non lo è stata: nel film Aladdin e il re dei ladri, Aladdin ricorda di aver perso la madre quando era giovane. È stato anche chiarito che Aladdin avesse vissuto con lei e il padre Cassim fino a quando quest’ultimo decise di lasciare la famiglia nella speranza di trovare una vita migliore per loro.

Mentre Cassim era in viaggio, la madre di Aladdin morì improvvisamente, lasciando che il giovane diventasse orfano e successivamente un ladro. Quando al suo ritorno Cassim trovò la casa abbandonata, credette che sua moglie e il figlio fossero morti, e nel suo dolore diventò il capo dei Quaranta ladroni.

Prima di andarsene, Cassim chiese a sua moglie di dare ad Aladdin il suo pugnale, una richiesta che ha apparentemente esaudito prima della sua morte, poiché Aladdin ha conservato il pugnale fino all’età adulta, cosa che poi porterà  lo stesso Cassim a scoprire la vera identità di Aladdin quando i due si ritrovano anni dopo proprio nel terzo film.

IMG_1759.PNG

Che ne pensate? Vi sarebbe piaciuto vedere uno sviluppo di questo personaggio con toni più dark? O lo preferite così come è stato pensato? Avete altre curiosità su Aladdin? Chiedete… Kiwi risponderà!

 

#KiwiPedìa

Per leggere tutte le #kiwipedia che vi siete persi cliccate sul banner qui:

banner-kiwimedia-recuperato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...